Pages Navigation Menu

Plinti per pannelli fotovoltaici

Plinti per pannelli fotovoltaici

CARATTERISTICHE GENERALI

Plinto zavorra di forma triangolare utilizzabile per la struttura di supporto dei pannelli fotovoltaici.

SPECIFICHE TECNICHE

Trattasi di manufatto realizzato in calcestruzzo di classe C28/35 con fibre metalliche in grado di rendere certa la resistenza a trazione del calcestruzzo ed in particolare con rottura duttile.

Il manufatto di dimensioni 98x33xh68/21cm con una parete obliqua inclinata a 30° è progettato per sostenere i pannelli fotovoltaici e massimizzare la resa energetica.

Il peso del manufatto è di 160 Kg.

 

SCARICA LA DOCUMENTAZIONE TECNICA

catalogo plinti per pannelli fotovoltaici

scheda tecnica plinto per pannelli fotovoltaici

voce di capitolato plinto per pannelli fotovoltaici

 

Il manufatto presenta internamente una cavità che consente il fissaggio, mediante bulloni passanti, di due profilati in alluminio o acciaio zincato  dove saranno ancorati i pannelli fotovoltaici.

La distanza tra i plinti sulla stessa file orizzontale viene stabilita dal progettista in base ai mq. dei pannelli considerata la sollecitazione del vento a cui viene esposta la struttura.

In linea di massima ogni plinto può sostenere un pannello di 2 mq., di conseguenza viene posizionato ad una  distanza di 2m l’uno dall’altro.

specialvibro_messa_in_opera_plinti_per_pannelli_fotovoltaici Plinti_per_pannelli_fotovoltaici_su_discarica_2 specialvibro_plinti_in_ca_per_fotovoltaico

Essendo il manufatto largo e basso non necessita di controventatura.

La messa in opera viene eseguita mediante appoggio sul piano e non necessita di opere murarie e di infissione nel terreno quindi con tempi di esecuzione brevi.

La movimentazione può essere effettuata mediante piccoli mezzi meccanici agevolando l’accesso anche su terreni sconnessi o cedevoli.

La manutenzione è praticamente inesistente perché il calcestruzzo come noto ha una durata superiore a 50 anni.

In caso di dismissione il calcestruzzo può essere riutilizzato dopo la frantumazione e quindi si può ottenere materia prima riciclata.

RISULTANO PARTICOLARMENTE INDICATI PER CAMPI FOTOVOLTAICI SU DISCARICHE DISMESSE.